Isolation Raise: che cos’è e quando farla

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Isolation Raise: che cos’è e quando farla

L’ Isolation Raise  è l’atto di rilanciare uno o più giocatori che hanno “limpato” (hanno aperto dietro di noi senza rilanciare), il suo scopo è quello di giocare da soli contro un giocatore debole. Infatti aprire senza rilanciare non è una giocata corretta semplicemente  perché se “limpiamo” con una mano forte offriamo ai nostri avversari un prezzo troppo basso per scoppiarci il nostro punto, se floppiamo bene non costruiremo un piatto soddisfacente per il nostro punto. 

L’ Isolation Raise è un gioco preflop un pochino più avanzato ma comunque di non difficile esecuzione, le tabelle sono facili perché abbiamo una singola azione da fare, apriamo 4bb + 1 bb per ogni Limper, massimo 3 giocatori. Isoleremo spesso i giocatori passivi, evitando di isolare con le mani più speculative se nei bui ci sono giocatori che 3bettano molto. Se veniamo rilanciati 4betteremo con mani premium e chiameremo con mani buone. In questo caso, a meno che non conosciate il giocatore che vi rilancia veramente bene sconsiglio il 4bet/bluff. Le nostre tabelle di riferimento in questo caso sono le tabelle VS 3Bet degli articoli precedenti.

 

Isolation Raise da UTG+2 (la terza posizione nei tavoli Full Ring)

Isolare da questa posizione non è molto proficuo perché abbiamo un sacco di gente che parla dopo di noi. Il range quindi sarà molto stretto:

Isolation Raise UTG+2
Isolation Raise UTG+2

Questa tabella vale solo per i tavoli Full ring, procedete con cautela

Isolation Raise da MP:

Isolare da MP anche se abbiamo 4 persone che devono parlare dopo di noi è profittevole perché chiunque limpi da UTG (aprire senza rilanciare) non è sicuramente un genio. Per me limpare da UTG è un abominio 😀

Isolation Raise da MP
Isolation Raise da MP

Questa tabella vale sia per il full ring che per il 6 max, 4bb+1bb per ogni limper

Isolation Raise da CO:

Isolare da CO è una posizione decente, possiamo allargare un pochino il nostro range oppure se siamo giocatori timidi possiamo usare anche la tabella di MP

Isoraise da CO
Isoraise da CO

 

Isolation Raise da Bottone:

Isolare da Bottone è la miglior posizione di tutto il tavolo, attenzione però ai piatti con molta gente aprendo con mani bruttine. Io da bottone di solito isolo con non più di 5BB se nel piatto ci sono più persone con tutte le mani (anche AA). Una mano bruttina preflop può diventare bellissima post flop e farci vincere un piattone ma non voglio investire più di 5BB per mani come 53s, Q2s o 78 off

Isoraise da Bottone
Isoraise da Bottone

Isolation Raise da Small Blind:

Isolare da Small Blind è la peggior posizione possibile del tavolo, giocheremo tutta la mano fuori posizione quindi isoleremo soltanto con mani buone.

Isoraise da SB
Isoraise da SB

 

Isolation Raise da Big Blind:

Isolare da Big Blind è più economico che isolare da tutte le altre bosizioni perché un BB lo abbiamo già pagato prima ancora di ricevere le carte. In questa tabella se tutti foldano ed lo small blind limpa lo dobbiamo isolare con tante mani. Tormentare lo Small Blind è una delle giocate più utili preflop. Lo Small Blind gioca sempre fuori posizione, se in più è scarso perderà il più dei suoi soldi contro di noi. Se siamo in un tavolo abbiamo un giocatore scarso direttamente alla nostra destra non dovremmo alzarci per nessun motivo.

Isoraise da BB
Isoraise da BB

 

La mossa del nonno

Un’ultima cosa: se qualcuno limpa e poi rilancia di solito (80% +) è una mano forte, spesso AA. procedete con cautela.

In ogni posizione vi ho linkato il rispettivo articolo nel caso subiate una 3bet le tabelle a cui potete fare riferimento sono le tabelle VS 3Bet. A meno che non conosciate il vostro avversario veramente bene di solito chi vi rilancia dopo che isolate lo farà il più delle volte con una mano forte quindi fate attenzione

Con questo sull’Isolation Raise è tutto, il prossimo articolo sarà sullo Squeeze/Cold Call e con il preflop abbiamo finito 🙂

Il ragno vi saluta e vi aspetta al prossimo articolo 🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *