Value Bet: La miniera d’oro di ogni scommettitore

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Value Bet
Le Value Bet

Le Value Bet come carburante per i nostri Money Management

Dopo aver introdotto i vari Money Management più usati, ad alcuni di voi sarà sicuramente sorta una domanda.

“Si okkey Celestino, questi sistemi ci aiutano a dosare le puntate, ma cosa ci va dentro per farli funzionare?”

la Risposta è indubbiamente, le Value Bet 

 

Le Value Bet, o scommesse a Valore, sono l’ESSENZIALE per lo scommettitore professionista, puoi avere il Money Management più forte della storia, ma se non c’è valore nelle tue scommesse, alla lunga finirai per perdere.

Ma cos’è esattamente il Valore ?

Il Valore in una scommessa sportiva è, quando la quota pagata dal bookmaker, per quella scommessa è più alta rispetto alla probabilità di realizzo che noi gli attribuiamo.

A questo punto è necessario dare giusto un paio di formulette matematiche che ci aiuteranno molto a capire la correlazione tra quota e probabilità di realizzo:

  • Conversione Quota->Probabilità di realizzo:  100/Quota=Probabilità di realizzo
  • Conversione Probabilità di realizzo->Quota: 100/Probabilità di realizzo=Quota

Come potete vedere, nulla di spaventoso ed ultra-avanzato, si può fare in un attimo con la calcolatrice.

Si è capito dunque, che ogni Quota oltre che il Payoff rappresenta anche la probabilità che il Bookmaker attribuisce ai vari esiti di una scommessa.

Dall’esempio a seguire si capirà che il bookmaker non è stupido e non regala (quasi) mai nulla a nessuno.

Esempio di relazione Quota-Probabilità ed Aggio del Bookmaker.

Per affrontare questo esempio, utilizzeremo la partita Roma-Lazio, con le quote offerte dal bookmaker Betfair, e la tipologie di scommessa più semplice da capire, l’esito finale.

La prima cosa che andremo a fare sarà convertire le quote in probabilità di realizzo, espressa in percentuale:

  • ROMA: 43.478..%
  • PAREGGIO: 28.57..%
  • LAZIO: 33.33..%

Andando a sommare queste probabilità ci accorgiamo che il risultato è 105,37% che non è esattamente il 100%

Cosa rappresenta dunque quel 5.37% in più, quella cifra rappresenta l’aggio del bookmaker, a parità di puntate sui tre esiti, il bookmaker vincerà in questo caso il 5.37% indifferentemente da quale esito si verificherà

Se la somma esatta delle percentuali fosse stata il 100% ci saremmo trovati davanti ad un operazione a pareggio per il bookmaker.

Se invece fosse stata inferiore del 100%, dosando le puntate sui tre esiti saremmo stati noi ad avere un vantaggio matematico sul Banco.

Dopo aver introdotto queste nozioni fondamentali, andiamo finalmente a rispondere alla domanda che tutti voi vi state ponendo:

Come si trova una Value Bet?

Il procedimento non è affatto difficile basta infatti:

  • Attribuire ad un’esito la nostra probabilità di realizzo, ancor prima di guardare le quote del Banco.
  • Guardare quale fra i bookmaker che abbiamo offre in quel momento la quota più alta.
  • Trasformare questa quota in probabilità e confrontarla con quella da noi attribuita in principio.

Arrivati a questo punto, si possono presentare due casi:

  1. La nostra probabilità di realizzo è più ALTA rispetto a quella del bookmaker, e siamo davanti ad una value.
  2. La nostra probabilità è più Bassa rispetto a quella del banco, quindi ci accorgiamo che la giocata è priva di valore.

Restando sempre nell’esempio di Roma-Lazio.

  • Senza guardare la quota offerta, riteniamo che la roma abbia il 48% di probabilità di vincere.
  • Calcoliamo la probabilità del banco, (lo avevamo già fatto sopra): 43,47%
  • Facendo la differenza fra la nostra e la sua ci accorgiamo che abbiamo, stando alle nostre capacità di analisi, un valore del 4.53% e ci troviamo davanti ad una Value Bet.

Vale la pena fare anche l’esempio opposto.

  • Attribuiamo alla Lazio, una probabilità di vincere del 30%
  • Il banco gliene attribuisce il 33.33%
  • La differenza sta volta in negativo del 3.33% rappresenta il vantaggio del banco su di noi se facessimo quella scommessa.

Come avete visto, calcolare le quote e confrontarle con le nostre probabilità di realizzo è una cazzata, la cosa difficile, è stimare delle probabilità di realizzo veritiere ed oggettive, è li che si vede la differenza fra un grande scommettitore ed un amatore.

 

Questa differenza sta nella Capacità di analizzare una partita.

Se uno scommettitore lavora su questa, la perfeziona e ne diventa esperto, il gioco è fatto,  e sarà in grado di scovare le migliori Value Bet, da inserire come carburante nei suoi Money Management.

Non sapete ancora padroneggiare la ricerca del valore, ma volete lo stesso far profitto con betting?

 

Se invece non vi sentite ancora così esperti nell’analisi, ma volete lo stesso far profitto con le scommesse, lasciate che siano i professionisti a farla per voi.

Nel corso di questi mesi, sfruttando l’impeccabile lavoro degli analisti di Betsystem, oltre a fare numeri notevoli in termine di profitti, ho iniziato ad affinare molto le mie capacità di analisi, diventando quasi bravino, ce n’è di strada da fare prima di arrivare a quel livello, ma passo passo, stando con loro e studiando approfonditamente le analisi che vi vengono offerte, ci si può formare egregiamente.

A tal proposito in futuro, verranno lanciati corsi di formazione ed infoprodotti al fine di apprendere l’arte di periziare gli eventi calcistici.

 

Vi lascio qua sotto il contatto facebook di Betsystem, passateci perché merita veramente tanto, prima di conoscerli ero un bollettaro in perdita, ma oggi ho preso molta più consapevolezza su come si scommette in modo professionale.

https://www.facebook.com/BetsystemOfficial/

Ciao a tutti, buon betting, e vi auguro di scovare tantissime value bet, e se non ci riuscite sapete a chi chiedere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *