La fase iniziale di un torneo di poker

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La fase iniziale in un torneo MTT o Sit and Go

tornei multi tavolo o MTT
Torneo di poker
La fase iniziale di un torneo di poker è quando tutti hanno molte chips in rapporto ai bui. Tipicamente in un torneo mtt si inizia con 2000 chips con i bui 10/20, quindi noi iniziamo un torneo con 100 BB (grandi bui).In un sit and go tipico abbiamo invece 1500 chips di stack iniziale con i bui sempre di 10/20 ed iniziamo il torneo con 75 BB. Per quanto il sit and go sia con meno giocatori partecipanti le sue dinamiche sono quelle di un torneo di poker vero e proprio.Altri tipi di tornei come gli spin and go e gli hyper-turbo iniziano con degli stack molto più corti e raggiungono i momenti di “frenesia” molto prima dei normali Sit and Go e tornei multitavolo.Nella fase iniziale di un torneo generalmente ci sono 3 approcci che vengono seguiti:
  • l’approccio “attendista”
  • l’approccio “bilanciato”
  • L’approccio “aggressivo”

l’approccio attendista

Nell’ approccio attendista si giocano pochissime mani in maniera molto aggressiva, un range tipico dell’attendista è di giocare un range del tipo AA-KK-QQ-AK ed a volte JJ cercando di far finire tutto lo stack nel piatto prima del flop o al flop. Il problema di questo modo di giocare è che queste mani non ci capitano spesso ed il rischio di venire “mangiati dai bui” è serio, prima o poi si dovranno giocare per forza mani più marginali con uno stack che ormai non intimorisce più nessuno.

l’approccio aggressivo

Al contrario dell’approccio attendista qui si giocano molte mani, praticamente ogni mano, in maniera aggressiva, rilanciando preflop e puntando postflop. Questo tipo di gioco richiede una grande conoscenza di gioco postflop e nervi d’acciaio per essere efficace. Un giocatore aggressivo è difficile da leggere perché può avere in mano tutto o niente, di solito questo giocatore quando ha un punto viene pagato molto bene ma nello stesso tempo ha degli swing paurosi (oscillazioni dello stack). Mi piacerebbe giocare a questa maniera ma non ho la tecnica e i nervi necessari.

l’approccio bilanciato

L’approccio bilanciato è quello che uso io e quello che vado a descrivere in questo articolo. Scelgo le mani da giocare dalle prime posizioni ed allargo man mano che mi avvicino al bottone. Cerco di giocare in posizione più che posso, se non ho un punto fortissimo cerco di controllare il piatto e cerco di non mettere a repentaglio lo stack in situazioni marginali.Secondo me uno stack che mi consente di avere un margine di manovra postflop in un torneo di poker è di almeno 30 BB. Con uno stack inferiore c’è bisogno di cambiar passo.

gioco dalle prime posizioni

(UTG, UTG1, UTG2)Rilancio 2,5 bb (2 bb con i bui da 50/100 o 75/150) con 77,88,99, 1010, JJ, QQ, KK, AA e con AK, AQ e AJ. Se qualcuno ha aperto prima rilancio con JJ, QQ, KK e AA e con AK, chiamo con 77 fino a 1010 e con AQ e AJ, foldo il resto.Per variare il gioco a volte rilancio e a volte apro 1bb (limp) con 22 fino a 66, con A2s fino a A5s, A10s KQ, QJs, J10s. A volte limp/rilancio AA dalle prime posizioni. Foldo il resto, quando abbiamo uno stack sostanzioso possiamo usare pure l’apertura del cash

gioco dalle posizioni medie

(UTG3, MP)Rilancio 2,5 bb (2 bb con i bui 50/100 o 75/150) con 77 fino ad AA, AK, AQ, AJ, KQs, QJs, J10s. Se qualcuno ha rilanciato chiamo con 77 fino a 1010, AQ, AJ, KQs, QJs e rilancio con JJ fino ad AA e con AK.Se qualcuno ha limpato (ha puntato un bb) posso chiamare con 22 fino a 66, con A2s fino a A5s e A10 e rilanciare 3 o 4 bb con 77 fino a 1010, AQ, AJ e KQs . Foldo il resto

gioco dalle ultime posizioni e dai bui

(CO, Bott., SB e BB)Se apro il piatto posso rilanciare qualsiasi mano (2,5 o 2bb) da CO e da bottone.Se qualcuno ha aperto il piatto rilanciando posso chiamare con tutte le coppie da 22 a 1010, AQ, AJ, A10, A9s, KQ, e tutti i suited connectors da 89s a QJs da CO, SB e BBDa bottone posso chiamare un rilancio fino a 3 bb con qualsiasi manoRilancio (3bet, rilancio chi ha rilanciato) o isolo soltanto con mani forti (JJ, QQ, KK e AA insieme ad AK)Se nessuno ha rilanciato da queste posizioni possiamo chiamare con ogni mano.

Cenni di gioco postflop

  • dobbiamo evitare di fare i matti postflop con mani marginali tipo seconda coppia o meno, con piatti dove ci sono più giocatori.
  • non bluffiamo, giochiamo per valore
  • attenzione ai piatti con più persone
  • evitiamo di rischiare più del 25% del nostro stack con mani di una coppia, a meno che non sia un piatto 3bettato (abbiamo rilanciato il rilanciatore) e noi abbiamo la coppia più alta e il Kicker migliore
  • Attenzione ai rilanci, specialmente quelli al turn e al river, sono quasi sempre per valore
  • non giocare troppi tavoli e pensare prima di pigiare i bottoni
Detto questo praticamente il gioco postflop all’inizio è tipo questo: se il giocatore (o 2 giocatori) checka io punto. Se il giocatore punta ed io non ho niente io foldo. Se non ho un punto, non ho un progetto e non ho nemmeno la posizione (devo parlare io per primo) allora secondo me check fold è la giocata più sensata.Se invece ho posizione (parlo per ultimo) ed il mio (o i miei 2) avversario non lega (o non legano) al flop allora tentare di portarmi via il piatto bluffando in un torneo di poker è quasi un dovere. Bluffare in un piatto con più di 2 giocatori invece è pericoloso, secondo me in un piatto pieno di gente è meglio giocare solo con mani di valore e non gonfiare il piatto con mani soltanto di una coppia.Vi saluto tutti e vi auguro un anno felice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *